Contact to us

Il disturbo dipendente di personalità

Il disturbo dipendente di personalità è caratterizzato da un bisogno duraturo di essere accuditi e dalla paura di essere abbandonati dalle persone importanti della propria vita. Questo disturbo porta a sviluppare relazioni in cui si è fortemente dipendenti e ad assumere comportamenti di sottomissione capaci di suscitare l’accudimento da parte degli altri. Le persone con comportamento dipendente tendono ad attaccarsi visceralmente agli altri poiché temono che non potrebbero vivere bene senza il loro aiuto.
I pensieri sono caratterizzati dal pessimismo, dai dubbi su se stessi, dal senso di inferiorità. Coloro che soffrono di questo disturbo, quando ricevono delle critiche, non lo vivono come un occasione di miglioramento ma come una conferma del loro scarso valore. In virtù della bassa autostima tendono a cercare persone dominanti capaci di offrire loro protezione. Si circondandosi di persone da cui saranno dipendenti.

Questo comportamento causa un distress dal punto di vista sociale, lavorativo ed in altre aree del funzionamento. Alcuni di questi aspetti sono già visibili nell’infanzia e nell’adolescenza. Successivamente possono emergere nell’età adulta per poi decrescere con il passare degli anni.


Quali sono i sintomi Disturbo Dipendente di Personalità?

  • Paure pervasive che portano ad un attaccamento viscerale con le figure di riferimento.

  • Difficoltà di prendere decisioni quotidiane senza essere consigliati o rassicurati dagli altri.

  • Bisogno delegare agli altri la responsabilità delle proprie scelte, anche quelle più personali.

  • Difficoltà nell’esprimere il disaccordo con gli altri paura di perdere il supporto o l’approvazione.

  • Difficoltà di iniziare progetti indipendenti a causa della mancanza di autostima è paura del giudizio.

  • Presenza di paura eccessive di essere soli e di prendersi cura di se stessi.

  • Bisogno di cercare urgentemente un’altra relazione quando una è appena finita.

  • Paure irrealistiche di essere lasciati soli a prendere cura di se stessi.

Cosa fare quando si ha un disturbo da personalità dipendente?

Psicologi e psichiatri diagnosticano questo disturbo poiché sono le persone che hanno gli strumenti necessari per farlo. La maggioranza delle persone con questo problema non cercano un trattamento fino al momento in cui questo interferisce con altri aspetti della vita quotidiana. Quando ciò accade ci si trova sotto stress e si esauriscono le proprie risorse. La diagnosi viene fatta sulla base dei sintomi riportati della storia personale e quella del problema.


Quali sono le cause del Disturbo Dipendente di Personalità?

Come per ogni disturbo le cause sono molteplici e possono coinvolgere tre tipi di fattori: fattori biologici – genetici, fattori sociali, come l’interazione con le persone nella fase dello sviluppo (familiari , amici, conoscenti) e fattori psicologici, legati alla personalità e al temperamento. Non c’è un solo fattore responsabile ma l’interazione di queste componenti.

La psicoterapia cognitivo comportamentale come trattamento


Come per gli altri disturbi di personalità la psicoterapia risulta essere il trattamento di elezione. Generalmente le persone cercano di trattare il disturbo quando la sofferenza causata ha portato ad una diminuzione dell’efficienza nella vita quotidiana. Come per molti altri disturbi di personalità spesso ci si presenta dallo psicologo o dallo psicoterapeuta per un motivo generico, ad esempio un disturbo d’ansia o depressione. Successivamente il professionista può accorgersi della presenza di questo disturbo.

La terapia più efficace è quella che cerca di risolvere i problemi della persona nella vita reale portando dei cambiamenti che siano permanenti. Durante la terapia vengono analizzati i pensieri e le emozioni del paziente, l’autostima, la fiducia in se stessi. Il training di assertività ed altri approcci comportamentali si sono dimostrati molto efficaci nel trattamento di questo disturbo. Viste le caratteristiche di questo disturbo, le terapie di lunga durata sono controindicate poiché l’obiettivo della terapia quello di rendere la persona autonoma. A volte la dipendenza è molto radicata e per questo motivo occorre contrastare la richiesta di avere una figura accudente che sia onnipresente. In alcuni casi il momento del distacco con il terapeuta è un test dell’efficacia della terapia: se il paziente riesce a proseguire in maniera autonoma vuol dire che la terapia ha permesso di raggiungere buoni risultati. Qualora questo non dovesse accadere la persona non deve prendere la cosa come un fallimento poiché molte possono essere le cause: occorre essere pronti al cambiamento, cosa che richiede tempi diversi per ogni persona.

La terapia di gruppo è altresì utile quando le persone coinvolte riescono a vivere il gruppo senza svilupparne una dipendenza. Durante la terapia i pazienti cercano di modificare il modo in cui si relaziona con gli altri acquisendo dei pattern di comportamento più efficaci. Può capitare che nel corso della terapia il paziente modifichi o addirittura chieda alcune delle sue relazioni con amici, partner o colleghi di lavoro. Benché la durata della terapia sia qualcosa da concordare insieme col terapeuta nel caso del disturbo dipendente di personalità, può accadere che il paziente faccia fatica ad accettare la separazione. E’ compito del terapeuta specificare questo elemento affinché il paziente non viva la fine del rapporto con sentimenti di insicurezza, depressione, ansia. Il terapeuta deve far sì che il paziente non usi questi sintomi per prolungare la terapia appena conclusa, rinforzando i comportamenti di autonomia e quelli finalizzati a gestire l’ansia.


Molte persone ricorrono a gruppi di auto-aiuto dove non sono coinvolti i professionisti del settore. Esistono comunità online e reali dove condividere le proprie esperienze. Tuttavia è sempre consigliabile che la persona non si appoggi esclusivamente ad un gruppo ma a delle linee guida efficaci per il trattamento del disturbo onde evitare una cronicizzazione di alcuni sintomi a causa di inefficaci trattamenti fai-da-te.